UN PATTO

la mia compagna,                               RETE ANTIFASCISTA

mentre stiamo

seduti faccia faccia

sul balcone della cucina

(consumando

tabacco combusto

come aperitivo ipocalorico)

non mi fissa negli occhi:

il suo sguardo è indirizzato

molto al di sopra

della mia testa:

sta presidiando un foro

posto mezzo palmo

più in alto

della finestra

di camera nostra

e, soprattutto, ammirando

i ripetuti tentativi

d’una coppia di rondoni

(la stessa dell’anno scorso?):

uno alla volta, con slancio,

dopo un volo a semicerchio

per le ricognizioni,

tentano d’infilarsi nel buco

dove annidarsi.

ecco, io con la mia compagna

–  tra gli altri accordi –

ho stretto un patto

che m’autorizza a leggere,

prima di cena,

spettacoli simili a questi

riflessi nei suoi occhi

sorridenti ed entusiasti.

in omaggio, Yoko

mi fornisce anche

dettagliate descrizioni,

le sue accurate ipotesi

e le più attendibili,

ornitologiche, spiegazioni.

(il collage riprodotto come illustrazione era intitolato “rete antifascista” ma qui lo si può re-intitolare: “coppia antifascista”)

 

Leave a Reply