MARE

May 7th, 2011 by Pabuda

ORIZZONTEintuisco che questo, alle mie spalle,

è mare.

non è pachiderma sonnolento sdraiato.

non è lago inutile rinserrato.

è quasi tutto mare alle mie spalle.

tutto questo ghiaccio liquefatto

so che è incorniciato da golfo apposito

ma giù in fondo è aperto.

infatti, ricordo che quella linea orizzontale

non è confine né frontiera, non è la fine:

è piuttosto l’inizio d’un altro capitolo di libro-mare,

principio di altro mare. quasi uguale.

con l’occhio mnemonico lo guardo e prendo atto,

aiutato dal rumore di disco rotto incantato

delle onde che sbatacchiano su sponde

come puntina di grammofono su vinile sobbalzante,

ecco… se con occhio magico di ricordo lo guardo

m’accorgo che linea-orizzonte non è traguardo.

somiglia piuttosto a lunghissimo titolo esplicito che dice:

“questo, signore e signori, è mare aperto, disponibile,

mare libero che sta qui per farsi guardare e cingerti

e farsi traversare”.

è nella sua natura di anti-terra la disposizione

a farsi solcare e farsi carezzare il pelo dell’acqua

sostenendovi come gli ha insegnato Archimede.

è il mare che amo in questo preciso momento:

mare-movimento, mare-passaggio, mare-galleggiamento.

signori ministri e poliziotti ubriachi lasciatelo stare:

è mare! né barriera, né limitazione di stato.

lasciatelo stare com’è sempre stato:

liquido mare e salato e fluido instabile,

spazio di libero transito, ingovernabile,

mare s/confinato.

lasciate agli antichi romani e ai loro delirii imperiali

la definizione obsoleta e delirante e vecchia e rancida e rivoltante

di “Mare Nostrum”.

‘sti flutti son di tutti!

il mare di mezzo sta proprio in mezzo a terre

a separare coste e basta.

per le genti ha altro da fare: farle incontrare.

la stupida Europa che s’erge a fortezza

fa scempio d’ogni marina bellezza.

i suoi stati-aguzzini

lo disseminano di cimiteri marini

popolati di eroi, poeti, santi, transmigratori

bestemmiati come “clandestini”